News Alimentazione



L'importanza di mangiare frutta e verdura di stagione

Vi siete mai chiesti perché è importante preferire i prodotti nel corso della loro naturale stagione di maturazione?

Mangiare i prodotti stagionali vuol dire rispettare l’armonia tra uomo e ambiente.

Frutta e verdura di stagione pare abbiano migliori qualità sia dal punto di vista merceologico che nutrizionale: hanno un più elevato contenuto di vitamine rispetto ai prodotti fuori stagione.
Vi starete chiedendo, ma il contenuto di vitamine non rimane sempre lo stesso?! La risposta è decisamente no: più siamo lontani dalla raccolta, meno vitamine conterranno frutta e verdura.

Non finisce qui, se i prodotti sono inoltre coltivati in serra, saranno inevitabilmente ricchi di sostanze chimiche e pesticidi, il che li rende lontani dall’essere salutari.

I vantaggi

Nutrendoci di ciò che la natura ci offre in una determinata stagione, seguiamo un’alimentazione più sana e più varia: in tal modo non mangiamo le stesse verdure tutto l’anno e impariamo soprattutto a seguire i ritmi biologici e quelli che la natura ci impone.

I prodotti di stagione sono anche più buoni, più profumati e aromatici.

E l'ambiente?

Mangiare di stagione fa bene anche al nostro pianeta.

I prodotti fuori stagione hanno un costo ambientale elevatissimo: per farli crescere servono grandi serre illuminate e riscaldate che richiedono grandi quantità di energia elettrica, proveniente spesso fa fonti non sostenibili. Se provengono anche da altri stati, bisogna considerare un ulteriore costo ambientale derivante dal trasporto.

I consigli

Ricordate che banane, bietole, carote, insalate, mele e pere sono prodotti in quasi tutti i mesi dell’anno.

Per non cadere in errore, vorrei riportarvi i principali prodotti stagionali:

  • Primavera: asparagi, cipolle, kiwi, fragole.
  • Estate: albicocche, anguria, cetrioli, ciliegie, fagiolini, fichi, fragole, melanzane, peperoni, susine, pomodori e zucchine.
  • Autunno: broccoli, cachi, carciofi, cavolfiore, melanzane, peperoni, pomodori (solo per i primi periodi), spinaci, uva, zucca e zucchine.
  • Inverno: arance, broccoli, carciofi, cavolfiore, cime di rapa, porri, kiwi, mandarini, pompelmi, spinaci e zucca

Per chi non vuole rinunciare

Se volete cibi fuori stagione considerate i prodotti conservati.

Il metodo più sicuro dal punto di vista igienico sanitario è il congelamento e/o il sottovuoto (ovviamente al naturale, controllate gli ingredienti in etichetta!).
In questo modo evitate aggiunte di conservanti, sale e olio che modificano il valore nutrizionale del cibo.

Altro metodo di conservazione ottimale sono le conserve in vetro o latta.

Alcuni prodotti necessitano di trattamento, come la passata di pomodoro, altri di aggiunta di conservanti o stabilizzanti. Per non aumentare l’apporto calorico del cibo, meglio le conserve sott’aceto o in acqua di governo, come i legumi. Si raccomanda il risciacquo sotto acqua corrente per ridurre l’apporto di sodio.


cta mela

Chi sono

Ho scelto di essere una dietista (ho avuto la fortuna di scegliere il mio lavoro), credo in quello che faccio e voglio trasmetterlo alle persone che incontro nel mio cammino.

Rete Famiglia Veg

Faccio parte della Rete Famiglia Veg, un insieme di professionisti della nutrizione a base vegetale nell'alimentazione pediatrica e/o nella donna in gravidanza e allattamento.

Iscriviti alla Newsletter

Ti verrà inviata una mail per confermare l'iscrizione

Contatti

Indirizzo
    • Clinica Viana
      Via Delle Grazie 6, Novara
    • Ali-Mente
      Via Arona 95, Borgomanero (NO)
Telefono
338 1563244

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo sia cookies tecnici sia cookies di parti terze. Può conoscere i dettagli consultando la nostra informativa della privacy policy. Premendo OK prosegui nella navigazione accettando l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.