Bimbi Mamme e Papà

Una corretta alimentazione fa bene a tutta la famiglia

Nutrire gli adulti di domani

I genitori spesso sono molto più preoccupati del bimbo che a loro parere “mangia poco” mentre dovrebbero esser attenti soprattutto all’eccessiva alimentazione per quantità e qualità. Purtroppo spesso il forte appetito viene interpretato come un segnale di benessere e si tende ad incentivarlo più che a limitarlo. Oltre a mangiare troppo, il bambino mangia in maniera sregolata, “spesso e male”.

La responsabilità maggiore per la salute degli adulti di domani ricade sui genitori, a cui spetta il non facile compito di garantire le migliori premesse affinché il bambino esprima pienamente le sue potenzialità di crescita (non soltanto fisica ma anche mentale) e al tempo stesso di trasmettergli dei modelli comportamentali che diventeranno per lui un riferimento nella vita futura.

Le più comuni malattie dell'età adulta viene attribuita ad alcuni errori e abitudini sbagliate, piuttosto che a una sorta di irrimediabile predestinazione; influenza importante è attribuita dall’ambiente inteso come contesto, familiare e non, in cui vive un bambino.

L’educazione alimentare comincia in famiglia! Incoraggiate quindi i vostri figli a scegliere una sana alimentazione. Come? Con la vostra esperienza e… alcuni consigli.

 

bambini sovrappeso

 

1.AVVICINARSI AL CIBO CON PIACERE
Mangiare deve essere un momento di gioia. È necessario insegnare al bambino che nessun alimento è di per sé buono o cattivo e che mangiare è una questione di varietà e di armonia. Per una buona salute e una crescita ottimale il genitore deve ampliare la scelta degli alimenti ogni giorno.

2.SIATE  PAZIENTI
I gusti e le preferenze dei bambini sono solo in parte innati; non sono immodificabili. Infatti il comportamento alimentare è il risultato dell’esperienza e dell’apprendimento. È importante non scoraggiarsi se i piccoli non sembrano essere interessati nel provare nuovi cibi. E’ necessario fare più tentativi e riproporre il nuovo alimento più di una volta, cucinato in modi diversi, quasi come fosse un gioco , mostrando come il resto della famiglia lo apprezza. L’alimento potrà essere accettato quando diventerà più famigliare.

3.SIATE UN BUON MODELLO
“Quello che fai è più importante di quello che dici!”, i genitori sanno che i bambini imparano da quello che loro fanno, per questo è importante che loro stessi adottino per primi stili di vita e alimentari corretti che siano d’esempio. Consumate i pasti con i vostri figli appena è possibile ( soprattutto la prima colazione). Provate nuovi alimenti e nuove ricette per preparare quelli meno accettati da vostro figlio (un esempio? le verdure!?!). Sarete tutti più sani consumando più frequentemente verdure a foglia verde scuro, verdure rosso-giallo, frutta e prodotti integrali.

4.SIATE COINVOLGENTI
Coinvolgere il figlio nel provare nuovi cibi e nuovi metodi di preparazione potrebbe aiutarlo a scoprire e ad apprezzare nuovi sapori. Al supermercato i genitori potrebbero invitare il proprio figlio a scegliere un nuovo tipo di frutta o verdura e farsi aiutare poi a casa nella sua preparazione.

5.SIATE CREATIVI
Incoraggiate il vostro bambino a inventare nuove ricette a partire da tre o quattro ingredienti provenienti dalla PIRAMIDE. Oppure, provate un nuovo biscotto o un nuovo tipo di pane, descrivete il gruppo di alimenti a cui appartiene nominandone altri insieme; cercate di capire insieme perché è buono: è croccante? ha un buon sapore? o è il colore che attira?

6.SIATE BUONI PROGRAMMATORI NELLE SCELTE ALIMENTARI
Pianificare con anticipo il menù settimanale è un grande aiuto anche nell’economia domestica. Prestate attenzione nella scelta degli alimenti sia per la colazione che per gli spuntini, che spesso vanificano l’equilibrio cercato nell’impostare i pasti principali. Offrite a colazione una ampia scelta di alimenti dai principali gruppi della PIRAMIDE: non solo latte e biscotti ma anche cereali diversi, frutta, ecc. Programmate gli spuntini in modo che non siano troppo ricchi di energia (sono sufficienti il 5-10% delle calorie giornaliere), variando anche in questo caso la provenienza degli alimenti dai diversi gruppi della PIRAMIDE.

7.CHI ACCONTENTO OGGI?
Tutta la famiglia dovrebbe consumare lo stesso tipo di piatto ( a meno che non esistano esigenze mediche specifiche di allergie, ecc.). Si cercherà, a rotazione, di soddisfare i gusti dei componenti della famiglia nell’arco della settimana. Se però il bambino rifiuta di consumare il primo o il secondo non occorre cucinare un’alternativa: non deperirà se salta una portata e la vostra azione educativa sarà più incisiva.

8.NON ESSERE TROPPO RIGIDI!
Non bisogna colpevolizzare il bambino se ama gli alimenti più “trasgressivi”, piuttosto invitalo a consumarli con moderazione aiutandolo a  scegliere altri alimenti che possano bilanciare la giornata alimentare. Evitare invece di premiare con un dolce o uno snack, che renderebbero tali cibi speciali, e più desiderabili, qualità che non meritano.  Lasciate che i prodotti o le preparazioni più “sfiziose”, ma anche nutrizionalmente più sbilanciate, rappresentino un’occasione saltuaria. Concedere ai bambini qualche strappo che fa bene all’umore, se questi cibi non sono disponibili quotidianamente si gusteranno anche di più!

9.ATTENZIONE ALLA PUBBLICITA’
Privilegiate i cibi naturali, non trasformati (un frutto o una fetta di pane e marmellata è più sano di una merendina confezionata) sono le condizione per crescere mangiando bene e non subire il richiamo del cibo spazzatura, principale causa di problemi alimentari quali obesità e anoressia. 

10.VITA ATTIVA!
Evitare la vita sedentaria: uscire, giocare a pallone è meglio che distrarsi davanti alla tv, al computer o ad un videogioco. TV, giochi sedentari, massimo 8 ore a settimana

cibi red
CIBI A SEMAFORO ROSSO
NON vietarli ma non comperarli, i bambini avranno sicuramente occasione di assaggiare questi cibi  al di fuori delle mura domestiche, è bene che il consumo rimanga occasionale): patatine, caramelle, bevande gasate, succhi di frutta, merendine, dolci, budini, altri alimenti confezionati dall’industria

cibi green
CIBI A SEMAFORO VERDE

(sempre disponibili in casa) Cibi semplici, poco manipolati o raffinati capaci di indurre elevato senso di sazietà:
pasta, riso e cereali, pesce, legumi, carne, formaggi, verdura, frutta

 

Questo materiale è stato prodotto dalla Dott.ssa Arianna Massarotto, Dietista, a partire dal progetto "Programma di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare Salute" del Ministero della Salute/CCM.

Riferimenti:

  • Living Book “FORCHETTA E SCARPETTA” un percorso didattico dedicato ai ragazzi, finalizzato all’educazione e lla sensibilizzazione sul tema del benessere, messo a disposizione da: MINISTERO DELLA SALUTE , MINISTERO DELL’ ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITÀ DELLA RICERCA, ISTITUTO SUPERIORE di SANITA’ e INRAN. www.salute.gov.it
  • “il mese della Nutrizione Infantile” www.mellin.it


cta mela

Detrazioni Fiscali

Essendo il dietista inquadrato dalla legge (D.M. 14.09.1994, n. 744) sotto il profilo di “professionista sanitario dell’area tecnica-assistenziale”, la visita è detraibile ai fini fiscali.

Per fruire della detrazione in oggetto, saranno necessarie la fattura del dietista e la prescrizione del medico (circolare 17/E del 2006). Come altre spese sanitarie sostenute nell’anno di imposta da parte del contribuente, per suo conto o per quello di un coniuge o di un suo familiare a carico, devono essere indicate dal contribuente che presenta il modello 730 nei righi compresi tra E1 ed E5. La detrazione Irpef è pari al 19% della spesa, una volta superata la franchigia di €. 129,11

Chi sono

Ho scelto di essere una dietista (ho avuto la fortuna di scegliere il mio lavoro), credo in quello che faccio e voglio trasmetterlo alle persone che incontro nel mio cammino.

Rete Famiglia Veg

Faccio parte della Rete Famiglia Veg, un insieme di professionisti della nutrizione a base vegetale nell'alimentazione pediatrica e/o nella donna in gravidanza e allattamento.

Iscriviti alla Newsletter

Ti verrà inviata una mail per confermare l'iscrizione

Contatti

Indirizzo
    • Clinica Viana
      Via Delle Grazie 6, Novara
    • Ali-Mente
      Via Arona 95, Borgomanero (NO)
Telefono
338 1563244

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo sia cookies tecnici sia cookies di parti terze. Può conoscere i dettagli consultando la nostra informativa della privacy policy. Premendo OK prosegui nella navigazione accettando l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.